4 regole della vita familiare che possono essere infrante

4 regole della vita familiare che possono essere infrante

Le regole di una relazione felice sono un argomento popolare per articoli e discussioni. Ma se esistessero consigli universali e gli stereotipi funzionassero il 100% delle volte, non ci sarebbe nulla di cui parlare. Infatti, ogni situazione familiare è unica, e solo voi potete determinare quali principi saranno rilevanti per voi. Mentre è facile fare errori nella ricerca di una relazione ideale astratta.

Ecco alcune “regole” generalmente accettate che si possono e si devono infrangere a cuor leggero.

1. Dovreste condividere gli hobby dell’altro.

Se non avete niente in comune, allora quando le prime passioni si placano, può davvero essere un problema. Tuttavia, non ci si deve aspettare una completa coincidenza degli hobby. Avere diversi hobby e interessi è perfettamente normale. E tenere qualcosa di personale, che appartiene solo a te, è anche utile. Questo evita di dissolversi nel partner e promuove una sana autonomia.

Alla fine, la relazione può finire. Detto questo, alcuni hobby e passatempi dovrebbero rimanere parte della vostra identità, non solo una tradizione di coppia. Altrimenti, vi troverete non solo senza un partner, ma anche senza interessi personali estranei alla sua persona. Questa è una situazione triste che non ti permette di distrarti dalle tue attività preferite, perché tutto intorno ti ricorda la relazione finita. Molto meglio se anche senza la tuta di Iron Man sei ancora un playboy, milionario e filantropo.

Non viene fuori per entrare negli hobby di qualcun altro – lascia stare l’altro e te stesso. Non dovete provare entusiasmo per il birdwatching o il calcio solo perché interessa alla persona amata. Ma se ci tenete al vostro partner, potete sentirvi bene a sentirvi ispirati ed eccitati per questo. Anche se stanno facendo qualcosa che tu non faresti nemmeno se ti pagassero per farlo.

2. Una coppia dovrebbe avere uno spazio comune

In Sparks of Joy, l’esperta giapponese di pulizie Marie Kondo suggerisce di circondarsi di cose che ti fanno sentire bene. Per i single, questo è un compito abbastanza facile. Ma quando il territorio deve essere condiviso con qualcun altro, la roba degli altri può causare un vero risentimento. Per esempio, se il partner colleziona souvenir che vi sembrano brutti, o ingombra il corridoio con attrezzature il cui scopo per voi non è chiaro.

In questo caso, Marie Kondo consiglia di toccare gli oggetti “colpevoli” e immaginare quali emozioni evocano nella persona amata. Questo aiuta a sviluppare l’empatia, e allo stesso tempo a venire a patti con le cose che ti danno fastidio, ma care o utili al tuo partner. E se il rifiuto non è superato da questo, si dovrebbe dividere lo spazio in modo che ognuno abbia un posto dove poter fare qualsiasi cosa.

Che ognuno abbia il proprio angolo per riporre gli oggetti personali e il proprio “ufficio”.

Per fare questo, non avere necessariamente una casa enorme. È sufficiente suddividere correttamente la stanza in zone, facendo uso di sistemi di stoccaggio appropriati e di quelle parti dell’appartamento che di solito non vengono prese in considerazione, come la loggia.

Questo non vale solo per gli adulti, ma anche per i bambini. È molto più facile pulire i tuoi giocattoli se hanno la loro “casa” con un indirizzo permanente.

3. pensieri e sentimenti dovrebbero essere condivisi

Onestà totale e separazione completa dei sentimenti – è una bella illusione, che però invade la libertà personale e può causare un litigio nello spazio vuoto.

Il bisogno di condividere ogni pensiero ed emozione con un partner può essere un segno che i confini personali sono offuscati. A volte questo succede con persone che non si sono separate completamente dai loro genitori iperprotettivi, e poi hanno proiettato la loro relazione con loro sul loro partner. La consapevolezza del dialogo (“Perché sto dicendo questo all’altro, che reazione mi aspetto?”) è ridotta in questo caso. Mentre una persona armoniosamente matura comincia ad assumersi la responsabilità personale del suo stato emotivo e pensa a come le persone significative percepiranno le sue parole.

Supponiamo che la vita sembri improvvisamente noiosa e senza senso, o che tu abbia visitato i dubbi sul fatto che tu sia una buona coppia. Dando voce alle sue esperienze negative non completamente formate, si può tirare un sospiro di sollievo e andare a dormire. Ma l’umore dell’altra persona sarà rovinato, o farà delle conclusioni di vasta portata. In questo caso, la tua mentalità può cambiare completamente domani.

Parla di argomenti potenzialmente seri, quando hai già deciso cosa vuoi dire e perché. E un terapeuta o uno psicanalista, piuttosto che un partner, è più adatto a risolvere i tuoi problemi interni.

Importante: la regola non funziona se sei depresso. In questo caso è davvero meglio parlare.

4. I problemi si risolvono meglio a letto

Tra i nostri parenti stretti, gli scimpanzé, c’è una specie di bonobo che preferisce risolvere tutti i disaccordi con l’accoppiamento. Inoltre, anche i membri dello stesso sesso lo fanno. Di conseguenza, il livello di aggressione nelle loro comunità è molto basso. Con gli umani, tuttavia, le cose sono molto più complicate. Nonostante il fatto che la riconciliazione burrascosa tra le braccia dell’altro sia uno dei cliché romantici popolari, non c’è scampo dal letto quando si tratta di parlare.

Anche se il conflitto si è trasformato in sesso, non significa che il problema sia risolto.

Non dimenticare: il sesso conciliante avviene dopo aver raggiunto un accordo, non al suo posto. Nel secondo caso, stai solo spazzando la spazzatura sotto il tappeto, non facendo la pulizia.

Inoltre, il grado di attrazione può variare. I nostri livelli ormonali cambiano, le malattie e lo stress accadono. Alla fine, la sensazione semplicemente diminuisce nel tempo. Quindi non aspettatevi che la vostra passione bruci sempre così intensamente da eclissare i problemi. Ma più a lungo li ignorate, più gravi saranno le conseguenze quando, per qualsiasi motivo, non potrete o non vorrete fare sesso e rimarrete disarmati di fronte alla negatività accumulata.

Se tutto nella vostra relazione va male tranne il sesso, potrebbe avere senso smettere di cercare di costruire un’unità e godersi solo ciò che funziona bene. Prima o poi l’attrazione tumultuosa si placherà (per esempio, l’antropologo Robin Dunbar, The Science of Love and Cheating, suggerisce che dura in media un anno e mezzo), e potrete separarvi pacificamente prima di caricarvi a vicenda di accuse reciproche e scambiarvi crepacuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *